Il criterio della violazione dei “rights of custody"