"In modo intellegibile per l'occhio": il volto cinematografico tra manualistica e fisiognomica