"La mia vera biblioteca è appesa ai muri". Geo Poletti e la natura morta