Divinazione e geomanzia in Tommaso d'Aquino: qualche osservazione sul De sortibus