La decisione sull’ammissibilità degli interventi dei terzi: un altro banco di prova per l’“apertura” del processo (e della Corte)