‘Et qui corpora prima transfigurat’. La poetica ovidiana di Stazio