Finzione di verità, verità della finzione: una lettura della quarta rêverie