Mobilità di “professione”: l’uomo nero della Val Vigezzo