Sulle tracce della virtù nell’Ippia minore: tra semantica prestazionale e prospettiva epistemica