Tre note sul testo del "Menesseno" di Platone