Il referendum come "motore" della differenziazione