Nel presente contributo, grazie alle possibilità di indagine offerte dalla digitalizzazione delle cinque edizioni del Vocabolario degli Accademici della Crusca, del Tommaseo-Bellini e del Grande dizionario della lingua italiana, unitamente a quelle messe a disposizione dall’Opera del Vocabolario Italiano con il corpus OVI, è analizzata la diffusione della voce "rubro" ‘rovo’, in diacronia e in diatopia ‒ messa in relazione al latinismo rubo, e alla variante d’origine popolare "rógo" ‒ in contesti d’uso diversi che ne determinano, talvolta, una diversa accezione.

Per la storia di “rubo”, “rubro”, “rógo” (‘rovo’; ‘rògo’)

Attilio Cicchella
2019

Abstract

Nel presente contributo, grazie alle possibilità di indagine offerte dalla digitalizzazione delle cinque edizioni del Vocabolario degli Accademici della Crusca, del Tommaseo-Bellini e del Grande dizionario della lingua italiana, unitamente a quelle messe a disposizione dall’Opera del Vocabolario Italiano con il corpus OVI, è analizzata la diffusione della voce "rubro" ‘rovo’, in diacronia e in diatopia ‒ messa in relazione al latinismo rubo, e alla variante d’origine popolare "rógo" ‒ in contesti d’uso diversi che ne determinano, talvolta, una diversa accezione.
7
2
485
510
https://riviste.unimi.it/index.php/carteromanze/article/view/12349
Giovanni Boccaccio, Domenico Cavalca, Luigi Pulci, rubo, rovo, rogo, pira, rubus, rubus incombustus, Mosè
Attilio Cicchella
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
A_Cicchella_Rubo_Rubro_Rogo_CR.pdf

Accesso riservato

Tipo di file: PDF EDITORIALE
Dimensione 165.02 kB
Formato Adobe PDF
165.02 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/2318/1729490
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact