Il filosofo, il poeta e l’arcivescovo. Qualche precisazione sulla fine di Sigieri di Brabante