Il volume vuole far scoprire alla comunità scientifica e al lettore comune interessato alle vicende culturali d’Italia in età fascista la figura di Leo Ferrero (1903- 1933), intellettuale bilingue e “binazionale”, autentico mediatore culturale attivo nell’orbita di Piero Gobetti. Da Parigi, sede d’esilio volontario, operò nelle redazioni di periodici francesi e italiani. A lui si deve la cronaca della vita culturale parigina che Ferrero, come Gobetti, auspicava l’Italia ergesse a modello per uno svecchiamento delle lettere e delle arti davvero “europeo”, controcorrente rispetto alle politiche del regime mussoliniano. A lui i francesi devono la conoscenza e la collaborazione con i cenacoli italiani più innovativi: quello gobettiano a Torino e quello fiorentino di «Solaria». Il volume esamina la vita, l’opera e soprattutto l’attività di giornalista, critico letterario e teatrale di Ferrero, sullo sfondo degli anni Venti e Trenta, nella sua rete di relazioni e confronti, senza dimenticare la sua identità di scrittore in lingua francese. «Vivant trait d’union entre France et Italie»: Leo Ferrero, francesista in Italia e italianista in Francia nel Ventennio, ovvero una resistenza culturale per una cultura europea.

Leo Ferrero, “torinese di Parigi”. Un intellettuale tra Italia e Francia in età fascista

Cristina Trinchero
2020

Abstract

Il volume vuole far scoprire alla comunità scientifica e al lettore comune interessato alle vicende culturali d’Italia in età fascista la figura di Leo Ferrero (1903- 1933), intellettuale bilingue e “binazionale”, autentico mediatore culturale attivo nell’orbita di Piero Gobetti. Da Parigi, sede d’esilio volontario, operò nelle redazioni di periodici francesi e italiani. A lui si deve la cronaca della vita culturale parigina che Ferrero, come Gobetti, auspicava l’Italia ergesse a modello per uno svecchiamento delle lettere e delle arti davvero “europeo”, controcorrente rispetto alle politiche del regime mussoliniano. A lui i francesi devono la conoscenza e la collaborazione con i cenacoli italiani più innovativi: quello gobettiano a Torino e quello fiorentino di «Solaria». Il volume esamina la vita, l’opera e soprattutto l’attività di giornalista, critico letterario e teatrale di Ferrero, sullo sfondo degli anni Venti e Trenta, nella sua rete di relazioni e confronti, senza dimenticare la sua identità di scrittore in lingua francese. «Vivant trait d’union entre France et Italie»: Leo Ferrero, francesista in Italia e italianista in Francia nel Ventennio, ovvero una resistenza culturale per una cultura europea.
Aras Edizioni
“Per la critica - La voce e la scrittura”, a cura di Katia Migliori
V
1
192
9788899913915
Relazioni culturali Francia/Italia, critica letteraria, ricezione, periodici, teatro, antifascismo, Leo Ferrero
Cristina Trinchero
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Trinchero_Monografia_Leo_Ferrero_2020.pdf

Accesso riservato

Descrizione: pdf editoriale
Tipo di file: PDF EDITORIALE
Dimensione 896.53 kB
Formato Adobe PDF
896.53 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/2318/1742076
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact