In questo saggio la questione dello spazio e dei flussi – o, meglio, dei soggetti che attraversano gli spazi – viene affrontata da più prospettive, tenute assieme da uno sguardo filosofico che si interseca con il sapere dei geografi, degli antropologi e degli architetti. Lo scopo è elucidare l’intreccio che esiste tra organizzazione degli spazi e organizzazione delle forme di vita, avendo in mente come la materialità dell’abitare non sia mai scindibile dai processi di simbolizzazione che costituiscono il tessuto connettivo degli artefatti culturali.

Da Lascaux ai junkspaces (passando per Ippodamo da Mileto)

Giovanni Leghissa
2018

Abstract

In questo saggio la questione dello spazio e dei flussi – o, meglio, dei soggetti che attraversano gli spazi – viene affrontata da più prospettive, tenute assieme da uno sguardo filosofico che si interseca con il sapere dei geografi, degli antropologi e degli architetti. Lo scopo è elucidare l’intreccio che esiste tra organizzazione degli spazi e organizzazione delle forme di vita, avendo in mente come la materialità dell’abitare non sia mai scindibile dai processi di simbolizzazione che costituiscono il tessuto connettivo degli artefatti culturali.
Extra 2, anno 5, 2018
20
28
spazio - flussi - città - ontologia sociale - istituzioni
Giovanni Leghissa
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Leghissa, Da lacaux ai junkspaces (pasando per Ippodamo da Mileto).pdf

Accesso aperto

Tipo di file: PDF EDITORIALE
Dimensione 97.01 kB
Formato Adobe PDF
97.01 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/2318/1755782
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact