“Absurde” e “Bonheur”: sul cammino della libertà da Albert Camus a Kamel Daoud