Egidio Romano, la tradizione procliana e l’«averroismo di san Tommaso». Qualche considerazione sul senso e sulla storia della distinzione reale tra essere ed essenza