Qualche riflessione su due manoscritti dell'ambito di Jean de Toulouse