Ancora sulla traduzione slavo-orientale dei Paradoxa Stoicorum di Cicerone. Il quarto paradosso