Alcune riflessioni sull’aspetto verbale di tipo slavo