Il servizio della critica: Fortini attraverso De Sanctis