Prendendo in considerazione le traduzioni filosofiche dal russo di Giovanni Mastroianni ed alcuni suoi contributi inediti, si analizza il suo modo di lavorare e di intendere il senso della traduzione filosofica, come ricostruzione del linguaggio nel contesto di riferimento dell'autore, e contributo al dialogo tra culture.

"È meglio essere presi per pedanti, che per contrabbandieri”. Giovanni Mastroianni traduttore dal russo

Steila Daniela
2021

Abstract

Prendendo in considerazione le traduzioni filosofiche dal russo di Giovanni Mastroianni ed alcuni suoi contributi inediti, si analizza il suo modo di lavorare e di intendere il senso della traduzione filosofica, come ricostruzione del linguaggio nel contesto di riferimento dell'autore, e contributo al dialogo tra culture.
Laudatio memoriae. Giovanni Mastroianni e i suoi russi dalla Calabria a Torino, per i cento anni dalla nascita (1921-2021)
Biblion
233
245
978-88-3383-147-3
Giovanni Mastroianni, traduzione, filosofia russa, Bogdanov, Bachtin, Bucharin
Steila Daniela
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Steila_Mastroianni_2021.pdf

Accesso aperto

Tipo di file: PDF EDITORIALE
Dimensione 254.49 kB
Formato Adobe PDF
254.49 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/2318/1783243
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact