Il “romanzo di Rimella” come varietà di contatto