Nemmeno il tempo di cantare. Sulla “linea” di Ponthus, tra Marx e Trenet