“Certificato verde Covid-19” tra libertà ed eguaglianza