Appunti sulla lingua poetica di Michele Mari