«Cognoscere per quam viam voluerit». Il problema della libertà nella procedura arbitrale in rapporto alla scrittura (secc. XII-XIV)