Il saggio ricostruisce le vicende del centro ecumenico Agape, fondato nel 1947 a Prali, nell'alta Val Germanasca, dal pastore valdese Tullio Vinay come luogo di incontro e di riconciliazione dei giovani di paesi e fedi religiose differenti, dopo il secondo conflitto mondiale. Il villaggio costruito con il lavoro volontario di decine di giovani e il sostegno del protestantesimo internazionale fu inaugurato nel 1951 e nei decenni successivi, attraverso la proposta di "campi" di formazione e dibattito, si segnalò per la sua proposta educativa religiosamente ecumenica, culturalmente aperta e politicamente progressista. Proprio per la sua capacità di mettere in contatto culture politiche e religiose diverse e percorsi esistenziali differenti, ebbe un ruolo centrale nella formazione del protestantesimo del dopoguerra, non soltanto in Italia, favorendo la spinta federativa delle Chiese, proponendo nuove forme di presenza “credente” e promuovendo la democratizzazione della società, che si voleva fondata sull’ampia partecipazione di base e una maggiore giustizia sociale

Agape. Un villaggio sulla frontiera

Marta Margotti
2023-01-01

Abstract

Il saggio ricostruisce le vicende del centro ecumenico Agape, fondato nel 1947 a Prali, nell'alta Val Germanasca, dal pastore valdese Tullio Vinay come luogo di incontro e di riconciliazione dei giovani di paesi e fedi religiose differenti, dopo il secondo conflitto mondiale. Il villaggio costruito con il lavoro volontario di decine di giovani e il sostegno del protestantesimo internazionale fu inaugurato nel 1951 e nei decenni successivi, attraverso la proposta di "campi" di formazione e dibattito, si segnalò per la sua proposta educativa religiosamente ecumenica, culturalmente aperta e politicamente progressista. Proprio per la sua capacità di mettere in contatto culture politiche e religiose diverse e percorsi esistenziali differenti, ebbe un ruolo centrale nella formazione del protestantesimo del dopoguerra, non soltanto in Italia, favorendo la spinta federativa delle Chiese, proponendo nuove forme di presenza “credente” e promuovendo la democratizzazione della società, che si voleva fondata sull’ampia partecipazione di base e una maggiore giustizia sociale
2023
Storia dei valdesi
Claudiana
4: Evangelizzazione e presenza in Italia (1870-1990)
443
461
978-88-6898-399-4
Protestantesimo, giovani, sinistra politica, pace, giustizia, educazione
Marta Margotti
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Margotti Nuova storia valdesi 2023.pdf

Accesso riservato

Tipo di file: PDF EDITORIALE
Dimensione 717.62 kB
Formato Adobe PDF
717.62 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/2318/1825390
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact