Seconda natura. Da Lascaux al digitale