L'articolo analizza la decisione del 12 maggio 2011 con cui il Landgericht di Monaco di Baviera ha condannato Iwan Nikolai Demjanjuk a 5 anni di reclusione per partecipazione in omicidio aggravato di 28.060 persone nel campo di sterminio di Sobibor. La sentenza viene analizzata alla luce della precedente giurisprudenza tedesca sui campi di sterminio al fine di evidenziarne i caratteri di novità.

La punibilità del complice nelle uccisioni di massa nei campi di sterminio nazisti - Il caso Demjanjuk nel contesto della giurisprudenza federale tedesca

paolo caroli
2015

Abstract

L'articolo analizza la decisione del 12 maggio 2011 con cui il Landgericht di Monaco di Baviera ha condannato Iwan Nikolai Demjanjuk a 5 anni di reclusione per partecipazione in omicidio aggravato di 28.060 persone nel campo di sterminio di Sobibor. La sentenza viene analizzata alla luce della precedente giurisprudenza tedesca sui campi di sterminio al fine di evidenziarne i caratteri di novità.
Zur Gehilfenstrafbarkeit bei Massentötungen in nationalsozialistischen Vernichtungslagern – Der Fall Demjanjuk im Kontext der bundesdeutschen Rechtsprechung
IUS17
1
95
109
auschwitz; partecipazione; concorso di persone; shoah
paolo caroli
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
werle - burghardt-ilovepdf-compressed.pdf

non disponibili

Dimensione 1.56 MB
Formato Adobe PDF
1.56 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/2318/1846297
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact