L’auto-oggettivazione si verifica quando gli individui si considerano come oggetti da guardare e valutare in base all’apparenza. Le conseguenze psicologiche di tale processo sono state dimostrate da un’ampia letteratura, ma i suoi antecedenti restano poco esplorati. Lo studio indaga i potenziali correlati dell’auto-oggettivazione in una prospettiva cross culturale. 2566 adulti (54% F; età media=33.78; DS=9.15), Italiani (14.2%), Romeni (19%), Polacchi (31.3%), Inglesi (14.3%) e Iraniani (21.1%), hanno compilato un questionario che rilevava: l’auto-oggettivazione (Body Shame e Body Surveillance); l’interiorizzazione degli standard di bellezza dei media; l’autostima; l’influenza degli altri significativi; le caratteristiche socio-anagrafiche e il BMI. dati sono stati analizzati separatamente per i 5 paesi attraverso modelli di regressione. Dai risultati è emerso che Body Shame e Body Surveillance sono associate ad aspetti individuali – psicologici e fisici – e socio-culturali, il cui ruolo pare variare nei diversi paesi. Nello specifico, variabili chiave risultano essere l’autostima e l’interiorizzazione degli standard di bellezza proposti dai media, soprattutto in riferimento alla vergogna corporea. Al fine di promuovere fattori di protezione che contrastino l’auto-oggettivazione, sembra dunque necessario identificare elementi comuni e specifici dei diversi contesti culturali.

Fattori protettivi e di rischio del processo di auto-oggettivazione: una ricerca cross-culturale

Gattino S.;Fedi A.;Rollero C.;
2019

Abstract

L’auto-oggettivazione si verifica quando gli individui si considerano come oggetti da guardare e valutare in base all’apparenza. Le conseguenze psicologiche di tale processo sono state dimostrate da un’ampia letteratura, ma i suoi antecedenti restano poco esplorati. Lo studio indaga i potenziali correlati dell’auto-oggettivazione in una prospettiva cross culturale. 2566 adulti (54% F; età media=33.78; DS=9.15), Italiani (14.2%), Romeni (19%), Polacchi (31.3%), Inglesi (14.3%) e Iraniani (21.1%), hanno compilato un questionario che rilevava: l’auto-oggettivazione (Body Shame e Body Surveillance); l’interiorizzazione degli standard di bellezza dei media; l’autostima; l’influenza degli altri significativi; le caratteristiche socio-anagrafiche e il BMI. dati sono stati analizzati separatamente per i 5 paesi attraverso modelli di regressione. Dai risultati è emerso che Body Shame e Body Surveillance sono associate ad aspetti individuali – psicologici e fisici – e socio-culturali, il cui ruolo pare variare nei diversi paesi. Nello specifico, variabili chiave risultano essere l’autostima e l’interiorizzazione degli standard di bellezza proposti dai media, soprattutto in riferimento alla vergogna corporea. Al fine di promuovere fattori di protezione che contrastino l’auto-oggettivazione, sembra dunque necessario identificare elementi comuni e specifici dei diversi contesti culturali.
21
21
42
auto-oggettivazione, Body Shame, Body Surveillance, differenze culturali
Gattino, S., Fedi, A., Rollero, C., Boza, M., Brytek-Matera, A., Czepczor-Bernat, K., Lemoine, J.E., Reza, S.N., & Wilson, E.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Gattino et al_Fattori protettivi e di rischio del processo di auto-oggettivazione_2019.pdf

Accesso aperto

Tipo di file: PDF EDITORIALE
Dimensione 313.03 kB
Formato Adobe PDF
313.03 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/2318/1871689
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact