L'identità rubata: Gogol', Dostoevskij e Cechov