“Bisogna scegliere”. Kierkegaard e Fortini