Permanenza e mutazioni di una voce biblica nella poesia italiana del Novecento. Da Jahier a Pasolini, Giudici e Fortini