La retorica della disgiunzione nella “Gerusalemme Liberata”