Da Nerval a Ionesco. Le intelligenti sensibilità di un percorso critico