Lo schermo, 'equivalente generale' dell'arte contemporanea