La qualificazione giuridica soggettiva e l’«autonomia imprenditoriale» delle aziende sanitarie