Un caso di 'doppia scrittura'