La variante transfinita della geometria legale: Leibniz e l’“algebra giuridica”