Gherardo Nerucci nella Toscana del secondo Ottocento