Una delle più gravi pecche della riforma in materia arbitrale societaria è senza dubbio la scarsa chiarezza in ordine alla possibile sopravvivenza delle clausole compromissorie non conformi al nuovo dettato normativo, che impone l'eterodesignazione degli arbitri. In questo saggio l'autore prende posizione nel senso della possibile convivenza (cd. tesi del doppio binario), traendo spunto da recenti orientamenti della corte di appello piemontese.

Arbitrato societario: sono valide le clausole «di diritto comune»? / S.A. Cerrato. - In: IL NUOVO DIRITTO DELLE SOCIETÀ. - ISSN 2039-6880. - 10(2007), pp. 6-18.

Arbitrato societario: sono valide le clausole «di diritto comune»?

S. A. Cerrato
2007

Abstract

Una delle più gravi pecche della riforma in materia arbitrale societaria è senza dubbio la scarsa chiarezza in ordine alla possibile sopravvivenza delle clausole compromissorie non conformi al nuovo dettato normativo, che impone l'eterodesignazione degli arbitri. In questo saggio l'autore prende posizione nel senso della possibile convivenza (cd. tesi del doppio binario), traendo spunto da recenti orientamenti della corte di appello piemontese.
10
6
18
http://www.italiaoggi.it/nds/nds.asp
diritto; diritto commerciale; diritto dell'arbitrato; arbitrato; arbitrato societario; riforma; clausola compromissoria; estraneità del designatore; clausola binaria; validità; nullità
S.A. Cerrato
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
056 CERRATO Arbitrato societario NDS 2007 10 6 ss.pdf

Accesso riservato

Tipo di file: PDF EDITORIALE
Dimensione 172.54 kB
Formato Adobe PDF
172.54 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/2318/30166
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact