Gli effetti della relazione medico-paziente sulla prescizione farmacologica: un'analisi critica