La fortuna degli “altri bolscevichi” negli anni della perestrojka