I macromiceti del Piemonte e della Valle d'Aosta: nuove aree di indagine