Appunti sulla «filosofia» della nuova revocatoria fallimentare