Il rifiuto delle cure tra autodeterminazione e paternalismo giuridico