Il divieto di immistione del socio accomandante: una sentenza innovativa