LA "IUDIT" DE FEDERICO DELLA VALLE