"Doppio o niente". Il mondo caleidoscopico di Paul Auster